Don Franco Patruno

Ad Memoriam

 
Don Franco Patruno è stato Direttore dell'Istituto di Cultura Casa "G. Cini" di Ferrara e critico d'arte e cinematografico dell'Osservatore Romano. Ha curato per il quotidiano vaticano la rubrica "Opinioni" per quanto riguarda le problematiche etiche della comunicazione di massa. Sempre per l'Osservatore Romano ha curato ampie interviste a personaggi del mondo della letteratura, dell'arte e dello spettacolo. Per l'emittente Raisat 2000 ha intervistato Ermanno Olmi, Dacia Maraini, Ezio Raimondi, Andrea Emiliani, Pompilio Mandelli, Aldo Borgonzoni, Franco Farina, Pupi Avati, ed altri.

Ha pubblicato diversi contributi sulle problematiche estetiche nel mondo medievale, sull'estetica musicale in Sant'Agostino, sulla poetica delle Avanguardie del Cinquecento ed ha introdotto il catalogo sulle due rassegne di arte sacra in occasione del Congresso Eucaristico Nazionale di Bologna per la Casa Editrice Electa. Ha curato il catalogo della rassegna "Chagall e la Bibbia".

Come artista ha esposto in Italia e all'estero. Per i tipi della Book Editore ha pubblicato Chagall e Matisse: due templi della spiritualità in Provenza. Ha fatto parte della Commissione per i Beni Culturali e Artistici della Conferenza Episcopale Italiana. In qualità di artista, Franco Patruno ha iniziato ad esporre nel 1958 con una rassegna nel chiostro della chiesa di S. Romano di Ferrara dal titolo "Piccola città".

Dopo il periodo trascorso in seminario, ha ripreso ad esporre con tre mostre grafiche alla galleria "La linea" di Ferrara nel 1969, 1970 e 1971. Nel 1974 è stato invitato per una personale al Palazzo dei Diamanti di Ferrara, in occasione del centenario di Ludovico Ariosto, con "Cinquanta personaggi dell'Orlando".

Ha realizzato, nel 2000, diversi lavori per l' "Opera don Calabria" di San Zeno in Monte di Verona di cui soprattutto si ricordano due ampie vetrate per la nuova cappella dell'Adorazione. Nel 2003 fu richiesta la sua partecipazione, con una specifica vetrata, alla Biennale d'Arte Sacra "Stauros" di Santuario San Gabriele di Teramo.